Difesa, Comellini (Sindacato dei Militari): personale senza green pass fu costretto a consumare pasti in luoghi sprovvisti di DVR/DUVRI. Denunciate omissioni e violazioni.

Roma, 9 mag 2022 – DAL SINDACATO DEI MILITARI. Questa O.S., al fine di tutelare gli interessi dei propri iscritti e del personale militare più in generale, a seguito dell’entrata in vigore dei provvedimenti di divieto di accesso ai locali delle mense di servizio delle caserme, degli aeroporti e delle basi navali delle forze armate, riguardanti il personale militare sprovvisto del c.d. “green pass”, adottati dai comandi militari a decorrere dal 6 agosto e fino al 14 ottobre 2021, in attuazione delle disposizioni governative per il contrasto e la prevenzione della diffusione del Covid-19, ha ritenuto di dover esercitare il diritto di accesso civico generalizzato (art. 5, comma 2, d.lgs. n. 33/2013) nei confronti di alcuni reparti dell’Amministrazione Militare e dell’Arma dei Carabinieri per acquisire copia dei “DUVRI/DVR di cui all’art. 26, comma 3, del decreto legislativo n. 81/2008, relativi ai luoghi riservati alla consumazione del pasto di servizio per il solo personale militare sprovvisto di c.d. “green pass”. L’ARTICOLO COMPLETO CONTINUA QUI >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.