Gravi minacce di morte al Procuratore Gratteri. SINAFI: Lo Stato non lasci soli i suoi servitori e rafforzi le misure di contrasto alla criminalità organizzata

Roma, 12 mag 2022 – Le minacce ricevute dal Procuratore di Catanzaro, impegnato da anni a combattere gli affari delle cosche in Calabria e non solo, dimostrano, ancora una volta, che la criminalità organizzata solo apparentemente ha abbassato la guardia per dedicarsi agli affari economici in modo silente e mediante forme di riciclaggio e reinvestimento del denaro sporco, frutto di affari illeciti, in attività apparentemente lecite e che inquinano e minano fortemente il tessuto economico e sociale, ma di essere sempre pronta ad azioni più eclatanti e violente nei confronti di chiunque contrasti con determinazione i suoi affari e metta in pericolo i suoi patrimoni.

Clicca per leggere il comunicato stampa

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “Gravi minacce di morte al Procuratore Gratteri. SINAFI: Lo Stato non lasci soli i suoi servitori e rafforzi le misure di contrasto alla criminalità organizzata”

  1. I politici danno solidarietà a Gratteri e poi garantiscono il vitalizio ai politici PREGIUDICATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.