COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO: SIULP, SIAP, SAPPE, SINAFI E USIC. IL GOVERNO RISPETTI IL RUOLO DELLE PARTI SOCIALI ED APRA AL CONFRONTO SU SICUREZZA E SISTEMA PENITENZIARIO DEL PAESE E SUI DIRITTI DEGLI OPERATORI

Roma, 14 dic 2022 – Le sottoscritte OO.SS., rappresentative del personale delle forze di polizia, rivendicano convintamente il proprio ruolo di Parti sociali del comparto Sicurezza che, non mancano di evidenziare quanto sia essenziale, in qualsiasi processo democratico, lascolto, la condivisione, e soprattutto, il confronto con gli attori istituzionali e gli organi di Governo preposti a decidere e fare scelte.

Comprendono, senz’altro, i tempi ristretti e gli impegni di fine anno, anche in chiave europea, tuttavia, le Donne e gli Uomini delle Forze di polizia non possono più attendere, poiché ciò comporterebbe un incolmabile vulnus ai danni di coloro che, incondizionatamente e con alto senso di responsabilità e dovere, servono lo Stato, garantendo sempre e comunque la “sicurezza” e il vivere civile, giacché la sicurezza è un valore imprescindibile e condizione antesignana e necessaria per l’esistenza stessa e il buon funzionamento delle Istituzioni e, prima ancora, di una “società di diritto” cosi come per lesercizio della garanzia e della certezza dellesecuzione penale.

Nonostante sia senza alcun dubbio apprezzabile lo sforzo attuato dal Governo, che nella Legge di bilancio per il 2023 ha previsto stanziamenti dedicati a nuove assunzioni di personale per il turnover in un comparto in grave sofferenza, resta ferma ed urgente la necessità di potenziare ulteriormente le risorse del c.d. “fondo per la perequazione del trattamento previdenziale del personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico” (di cui all’ art. 1 comma 95 e 96 L. 234/2021).

Continua a persistere, infatti, il gap tra il trattamento previdenziale degli appartenenti alle forze dell’ordine e il resto dei lavoratori del pubblico impiego, a dispetto della tanto decantata specificità, la quale, a ben guardare, rappresenta spesso più un danno che non, come dovrebbe essere, un valore per il giusto ristoro dei disagi.

A ciò, si aggiunga il reiterato e inascoltato appello affinché le istituzioni pongano, realmente, le Donne e Uomini delle forze dell’ordine in condizione di svolgere il proprio indispensabile servizio in condizioni di piena sicurezza, dotando gli stessi di ogni dispositivo, regola d’ingaggio e quant’altro possa occorrere e che contribuisca a proteggere loro “prima, durante e dopo” le operazioni cui sono chiamati ad adempiere.

Al medesimo scopo, è d’uopo rimarcare la fondamentale importanza della piena efficienza e dei sacrifici fatti sul campo dalle FF.PP. nel corso degli anni.

Le OO.SS. firmatarie rimangono in attesa per un tempestivo, proficuo, ineludibile e costruttivo confronto, dal quale senz’altro discenderebbero, a beneficio dell’apparato e dell’azione di Governo, importanti contenuti ed elementi conoscitivi, innestati nella realtà che, seppur difficile, deve essere gestita al meglio delle possibilità e risorse, non soltanto economiche, essendo le Parti sociali un fondamentale “volano e termometro” della situazione intercompartimentale.

Roma 12 dicembre 2022

    SIULP           SIAP         SAPPE          SINAFI         USIC
F. RomanoG. TianiD. CapeceE. TavernaA. Tarallo

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *