SIULM: Perchè il Sindacato – FESI – Casse di previdenza

Roma, 19 dic 2022 – Ancora si incontrano colleghi militari che ritengono il sindacato per gli uomini in divisa un qualcosa di superfluo, però poi gli stessi si lamentano delle decisioni prese per il procrastinamento, fino a ventiquattro mesi, degli emolumenti che le casse ufficiali e sottufficiali devono corrispondere al personale che giunge alla tanto agognata quiescenza.

Stesso discorso per quanto riguarda la decisione di tagliare la somma totale da destinare al fondo efficienza servizi istituzionali (FESI) per i prossimi anni. Vale la pena ricordare che questo emolumento lo si percepisce fino al grado di capitano.

I militari restano ancora, dopo le sentenze della CEDU e della Corte Costituzionale italiana, gli unici lavoratori che non possono godere di una parte sociale che abbia poteri concertativi e che possa difendere i propri interessi.

Alcuni insistono sull’esistenza della rappresentanza militare, ma dopo più di quarant’anni di tale esperienza siamo nella situazione di essere i militari europei peggio pagati.

E’ il sindacato cosa fa? E’ la domanda che ci viene fatta!!

Il sindacato militare ha bisogno che tutti gli uomini in divisa facciano la propria parte, almeno con le iscrizioni, per divenire una massa spendibile sui tavoli concertativi sia all’interno del Ministero Difesa che governativi. E’ naturale che il SIULM sarebbe molto felice se tutti gli uomini in divisa si iscrivessero con la nostra organizzazione sindacale, ma a prescindere dalla scelta, l’esortazione che facciamo è di iscriversi ai sindacati!!!

L’alternativa è smettere di lamentarsi.   

Il SIULM si impegna comunque a scrivere alla parte politica e alla parte tecnica per spiegare le ragioni della nostra assoluta contrarietà ad entrambe le decisioni.

Istrana, 16/12/2022

SIULM

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “SIULM: Perchè il Sindacato – FESI – Casse di previdenza”

  1. Il problema dei sindacati è che sono troppi e non seguono una linea comune.
    Ognuno cerca di tirare l’acqua al proprio mulino gridando a gran voce ciò che secondo loro sia importante, perdendo di vista il punto comune a tutti i militari.
    Avere tante persone (sindacati) che rappresentano una categoria NON è una cosa positiva!
    Spero che in futuro si abbia la facoltà di scegliere uno dei pochi ma autorevoli e riconosciuti sindacati che parlino direttamente con i vertici.
    Un esempio: l’ultimo contratto è stato vergognoso e l’attuale è scaduto da un anno e ancora nessuno me parla……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *