GOVERNO. QUESTA INSTABILITA’ POLITICA CREA SOLO GUAI AL PAESE (Militari e Poliziotti compresi). NON SI PUO’ VOTARE OGNI ANNO. Dove e’ il senso di responsabilita’ di chi si e’ sottratto all’impegno pubblico preso con il paese?

Roma, 12 ago 2019 – Il post del Ministro della Difesa TRENTA sulla sua pagina Facebook, a fondo pagina. PER QUANTO RIGUARDA IL PERSONALE DEL COMPARTO DIFESA, SICUREZZA E SOCCORSO PUBBLICO, I PROBLEMI SARANNO PIU’ DI UNO. SI FERMA QUALSIASI PROVVEDIMENTO IN DISCUSSIONE, PER ESSERE RIPRESO POI DA UN ALTRO GOVERNO CHE MAGARI LA VEDE IN MODO DIVERSO. Forse cambiera’ anche il Ministro della Difesa. Uno scenario preoccupante per chi attende da anni la soluzione di alcuni problemi. Dal contratto di lavoro che ormai dal 2010 si riesce ad approvare a singhiozzo, alla correzione del riordino dei gradi del 2017. Si sperava di avere il contratto 2019/21 approvato e in busta gia’ dal prossimo anno 2020, contando sui finanziamenti da inserire nella prossima legge finanziaria. Ma questa crisi di Governo mette un freno a tutto.

AVERE UN GOVERNO CHE LAVORA SOLTANTO PER UN ANNO A NOI NON SERVE. SERVE STABILITA’ E DURATA. Questo lo diciamo al di la di ogni pensiero o appartenenza politica, che ognuno di noi giustamente ha. 

PUBBLICHIAMO IL POST CHE IL MINISTRO DELLA DIFESA ELISABETTA TRENTA HA PUBBLICATO SULLA SUA PAGINA FACEBOOK: “Qualcuno dice che all’Italia serva un Governo forte. Bene, ce l’avevamo un governo forte e la Lega lo ha fatto cadere. Era quel Governo che aveva fatto tante cose che ora rischiamo di perdere.” (Parole di Luigi di Maio – ndr).

E pubblica, sempre sulla sua pagina Facebook, l’intervento completo di Luigi Di Maio

Buongiorno a tutti!

Dopo un anno di fatiche e anche di speranza, non vi meritavate che qualcuno aprisse una crisi di Governo l’8 agosto. Perché una crisi di governo ora è assurda, ma soprattutto è pericolosa. Porta con sé la preoccupazione che a dicembre possa aumentare l’IVA. Che possa saltare Quota 100 per chi voleva andare in pensione o che possa scomparire la tassazione al 15% per chi ha una partita Iva. Perché causare tutto questo? La risposta a voi. Credo che l’abbiate ben compresa.

Qualcuno dice che all’Italia serva un Governo forte. Bene, ce l’avevamo un governo forte e la Lega lo ha fatto cadere. Era quel Governo che aveva fatto tante cose che ora rischiamo di perdere.

Tutti mi chiedono: “E ora che succede?”. Sento parlare di aperture, appelli e altri termini in politichese. Non ci sono giochi di palazzo che ci interessino, per il Movimento 5 Stelle ci sono semplicemente tre punti fondamentali:

1. Approvare subito il taglio di 345 parlamentari. Per la prima volta nella storia italiana c’è stata una forza politica che ha avuto il coraggio e la determinazione di eliminare le proprie poltrone. È un atto concreto, che vi farà risparmiare parecchi soldi e vi restituirà un Parlamento più efficiente. Ma è anche il simbolo di un cambiamento culturale e di mentalità della classe politica. Nessuno l’avrebbe mai fatto se non ci fosse stato il Movimento 5 Stelle. Ci aspettiamo adesso che nessun partito trovi scuse su questo, dopo che questa riforma ha già passato 3 voti di 4 necessari. Ne manca solo uno. Ci vogliono solo due ore ed è fatta. Solo due ore. E il mio appello è rivolto a tutte le forze politiche in Parlamento.

2. Approvato il taglio dei parlamentari, ci rivediamo subito in aula per capire chi abbia davvero intenzione di sfiduciare Giuseppe Conte come Presidente del Consiglio dei Ministri. Il Movimento 5 Stelle sarà al suo fianco fino alla fine.

3. Ci affidiamo alle decisioni del Presidente della Repubblica.

L’unica apertura da fare è al buon senso. Tagliamo 345 poltrone. Nessun inciucio, nessun giochetto. Solo mezzo miliardo in meno di sprechi da investire in scuole, strade e ospedali.
Buona domenica a tutti.

Luigi Di Maio (Fonte Facebook Ministro Difesa TRENTA)

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

4 thoughts on “GOVERNO. QUESTA INSTABILITA’ POLITICA CREA SOLO GUAI AL PAESE (Militari e Poliziotti compresi). NON SI PUO’ VOTARE OGNI ANNO. Dove e’ il senso di responsabilita’ di chi si e’ sottratto all’impegno pubblico preso con il paese?”

  1. Giustamente la Ministra tira acqua al proprio mulino vista l’appartenenza ad un movimento.
    Come scritto nell’articolo, ognuno la pensa come vuole, e giustamente chi ha opinioni diverse va rispettato.

    A me Lei Signora Ministra non piace, sin dal suo insediamento, e non sono prevenuto sia ben chiaro.
    In 14 mesi proprio dal suo Dicastero non è arrivato niente, vogliamo parlare di NOIPA per caso?
    Dei ragazzi che di strade sicure spremuti come limoni? Delle Caserme fatiscenti e a pezzi? Del morale del personale sempre più svilito prima come essere umano e poi come militare?
    Chi c’è stato prima di Lei non ha fatto nulla se non che obbedire agli ordini del Presidente del Consiglio di turno, le colpe non sono tutte Sue sia chiaro.
    Sono decenni ormai che i vari Ministri del dicastero Difesa succedutisi a ritroso, ben poco hanno fatto per il comparto Difesa.
    La rispetto, ma affermazioni come la sua sinceramente postata in questo articolo non le condivido in alcun modo, sbaglierò forse, ma non credo di essere l’unico a pensarla cosi.

  2. Il problema di ridurre i parlamentari non sarebbe necessario se le loro paghe fossero equiparate quantomeno ai loro colleghi di altri Paesi Europei, poi i loro benefici sono altissimi, basta pensare (per dirne una delle tante) che il politico di turno non paga spese sanitarie e ospedaliere per se e per la sua famiglia, mentre un militare in servizio o poliziotto se viene ferito deve pagare il ticket ospedaliero per infortuni verificatesi per difendere il popolo italiano.
    E’ pur vero che un ministro non fa il volere di un governo e le do atto, ma lei stessa all’insediamento di questo governo in declino ha assicurato che il M5S non faceva tagli gli stipendi ai militari e questo é vero, sono diversi governi che da tempo non lo fanno (ma tagliano solo ai pensionati) é anche vero che il suo governo come gli altri, non si é degnato di risolvere l’annoso contratto normativo che manca dal 2010 e economico da quella data, ma si é provveduto immediatamente ad equiparare quelli degli ufficiali non contrattualizzati . Ora la storia puntualmente di ripete in campagna elettorale, ci saranno nuove promesse per il contratto scaduto nel 2009 (quello 2016-18 erano solo le famose 80 euro lorde renziniane, fra l’altro, non definito entro la scadenza di quest’anno) e come sempre, saranno promesse da marinaio

  3. PER DOVERE DI CRONACA, I MILITARI HANNO AVUTO IL CONTRATTO TRIENNALE RINNOVATO DAL GOVERNO GENTILONI NEL 2018, PER IL TRIENNIO 2016/18. CIRCA 80 – 110 EURO LORDI AL MESE.

  4. Gli straordinari di strade sicure sono passati da 14,5 a 21 ore a pagamento, è sempre poco ma se ci diciamo la verità soldi in giro non ci sono.
    POI bisogna fare la manovra per evitare l’aumento Iva.
    Comunque speriamo che il taglio dei parlamentari venga approvato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.