I nuovi programmi della Marina Militare previsti dal DPP 2021-2024

Roma, 7 ago 2021 – Il Documento Pluriennale di Programmazione 2021-2023 prevede l’avvio di diversi programmi per l’ammodernamento ed il potenziamento delle unità di prima linea, seconda linea, anfibie e ausiliarie, armamento nonché per le strutture logistiche della Flotta.

Il Programma è finalizzato al rinnovamento delle Unità navali della linea Cacciatorpediniere tramite l’acquisizione di 2 Unità di moderna concezione in sostituzione di Nave Mimbelli e Nave Durand de la Penne.

L’ingresso in servizio dei 2 nuovi Cacciatorpediniere garantirà di preservare la capacità anti-aerea imbarcata, incrementandola in chiave di difesa dalla minaccia dei missili balistici, al fine di concorrere efficacemente all’assolvimento dei compiti funzionali alla difesa dello Stato e al controllo delle aree marittime di competenza, così come alla difesa degli spazi euro-atlantici ed al supporto alle attività regionali di NATO e UE.

Il programma rileva, infatti, molteplici aspetti di cooperazione ad alto contenuto tecnologico, nonché un ormai imprescindibile impulso allo sviluppo di integrazione di sistemi di difesa, che spazieranno dai radar con capacità di scoperta e tracciamento di missili balistici, ai relativi sistemi di ingaggio, al nuovo sistema di combattimento e piattaforma/sicurezza, in aderenza al concetto NIAMDS (NATO Integrated Air and Missile Defence System) circa la minaccia balistica che prevede, per il segmento navale, soluzioni rapidamente implementabili, flessibili nell’impiego e velocemente ri-dislocabili, nel quadro delle capacità di difesa antiaerea e antimissilistica integrata dello Strumento militare nazionale.

Il programma è caratterizzato da un livello tecnologicamente avanzato e consentirà di incrementare significativamente il know–how della cantieristica nazionale militare e, di riflesso, quella degli altri settori dei trasporti marittimi.

Come generalmente avviene, la ricerca e lo sviluppo di sistemi innovativi in grado di soddisfare gli sfidanti requisiti militari rappresentano naturalmente un importante volano per la ricerca e lo

sviluppo di prodotti che vengono poi utilizzati per individuare soluzioni, sviluppare e produrre impianti ed apparati altamente competitivi anche nell’ambito della cantieristica nazionale civile, favorendo e garantendo al sistema industriale nazionale di settore il mantenimento di una posizione di leadership.

Il programma è di previsto finanziamento sul bilancio del Ministero della Difesa per mezzo delle risorse recate da:

-capitoli “a fabbisogno” per 1497,3 M€ (per lo svolgimento degli studi preliminari di de‐risking e l’avvio della fase acquisitiva);

– fondo di cui all’art.1 co.14 della LdB 2020 per 851,8 M€.

La prosecuzione del programma sarà finanziata a valere sulle risorse recate dalle successive Leggi di Bilancio. Per il triennio 2021-2023 sono allocati un totale di 6,50 M€ a partire da quest’anno.

Il programma ha un fabbisogno complessivo stimato in 2.700 M€.

E’ in corso l’iter di approvazione del previsto DM/DI ai sensi dell’art.536 del C.O.M.

Ammodernamento di Mezza Vita delle unità classe Doria
L’ammodernamento di mezza vita dei cacciatorpediniere della Cl. Doria (Programma Orizzonte) è prioritariamente finalizzato a mantenere un’adeguata capacità di difesa di area dello strumento aeronavale, risolvendo le principali obsolescenze tecniche del Sistema di Piattaforma (SdP) e del Sistema di Combattimento (SdC).

CONTINUA A LEGGERE ARESDIFESA.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.