AFGHANISTAN : SPRECHI E NEGLIGENZE U.S.A – IL RAPPORTO COMPLETO

Roma, 24 ago 2021 – L’Ispettore generale speciale per l’Afghanistan, nominato dal Governo usa, John Sopko nel suo rapporto settimanale ha tracciato un quadro desolante degli sprechi e delle negligenze ed incompetene americane che si sono tradotte in enormi perdite di denatro per i contribuenti.

Sopko ha pubbLicato per nove anni le frodi avvenute nella ricostruzione del paese asiatico, ed in 50 audizioni davanti al Congresso ha elencato una lunga serie di macroscopici errori

G222 DEMOLITI
Uno dei più inutili e costosi investimenti è quello dell’aeronautica statunitense , che ha sprecato 549 milioni di dollari su 20 G222 ricondizionati nel 2008 per il governo afghano,che si sono rivelati inaffidabili. I pezzi di ricambio erano difficili da trovare. Sono stati messi in vendita , ma sono stati ricavato solo 40.257 dollari cadauno, a prezzo di rottame.
Ha denunciato che un generale dell’aeronautica statunitense coinvolto nell’acquisizione, dopo il congedo sia diventato consulente per l’azienda che li ha forniti.

EDIFICI CHE SI SBRICIOLANO
Un altro caso limite è quello degli edifici mal costruiti e crollati dopo la inaugurazione, come  un poligono/villaggio da addestramento da mezzo milione di dollari ormai crollato per oltre il 39% . Era stato costruito per assomigliare a un tipico villaggio afghano dove la polizia avrebbe potuto addestrarsi.
Il rapporto di Sopko afferma che i funzionari americani che supervisionavano il progetto non hanno tenuto traccia del lavoro e l’appaltatore è scomparso. I tetti non erano inclinati per consentire il deflusso dell’acqua piovana e sono stati utilizzati materiali scadenti. L’intera struttura è stata demolita dopo quattro mesi.

TUTE MIMETICHE VEGETATE
Le nuove tute mimetiche per l’esercito afghano sono costate 28 milioni di dollari i, che riportano una mimetizazione boschiva in un paese in cui il 98% del paesaggio è montagnoso, pietroso o semidesertico.

I funzionari del Dipartimento della Difesa hanno dichiarato di avere trovato un fornitore sul web e che l’allora ministro della Difesa afghano aveva caldeggiato di usarlo. Erano necessarie nuove uniformi perché quelle esistenti utilizzavano un design molto diffuso in commercio consentendo agli insorti di acquistarli e camuffarsi. L’esercito degli Stati Uniti aveva un progetto alternativo, con mimetizzazione desertica  ad un costo molto inferiore.

CENTRO COMANDO ABBANDONATO
Una importante struttura da utilizzare come centro comando, denominata Camp Leatherneck, nella provincia di Helmand, doveva servire per 1500 persone, più spazi di addestramento e un teatro per le riunioni.
Da quando è stato costruito nel 2010, è inutilizzato , nonostante la qualità della struttura riconosciuta da Sopko, nonostante gli impianti elettrici, ad esempio, dossero del tipo americano, quindi inutilizzabili da apparecchiature afgane.

176 milioni di dollari per una strada finanziata dall’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, il cui percorso di 63 miglia collegava la città di Gardez e la provincia di Khost. Già nel 2016 ben il 40% era stato distrutta e due sezioni erano state spazzate via da frane e maltempo

CANALI DI IRRIGAZIONE CHE AIUTANO LA COLTIVAZIONE DI OPPIO
E poi c’è stata la guerra alla droga. Gli Stati Uniti hanno speso circa 9 miliardi di dollari durante il conflitto cercando di sradicare i campi di papaveri dell’Afghanistan che hanno finanziato i talebani e hanno reso il paese il primo produttore mondiale di oppio e di tutti i suoi prodotti illegali.
Uno dei progetti finanziati dagli Stati Uniti è stata la costruzione di canali di irrigazione per centinaia di miglia quadrate di terreno coltivabile, nella speranza che avrebbe portato gli agricoltori a coltivare legalmente, ma ha semplicemente portato a un aumento della produzione di papavero, più che raddoppiata in uno studio di area, secondo Sopko.

«Nonostante l’investimento, la coltivazione del papavero da oppio in Afghanistan ha registrato una tendenza al rialzo per due decenni e l’insicurezza ha reso difficile invertire la crescita», ha affermato Sopko nel suo rapporto più recente (FONTE: congedatifolgore.com).

Afghanistan: vent’anni di menzogne

A dirlo è stato John Sopko, ispettore speciale statunitense per la Ricostruzione dell’Afghanistan (SIGAR), il quale, di fronte al Congresso USA, ha dichiarato che i funzionari statunitensi hanno regolarmente mentito durante la guerra in Afghanistan, manipolando i rapporti sui progressi compiuti.

L’Italia, secondo uno studio dell’Osservatorio sulle spese militari Milex, nei 20 anni complessivi di presenza militare in Afghanistan ha speso 8,7 miliardi di euro dei quali ben 840 milioni relativi a contributi diretti alle forze armate afghane. Le stesse forze governative, sottolinea Milex, che nelle settimane immediatamente susseguenti al ritiro dei contingenti internazionali hanno subito pesanti sconfitte negli scontri con i talebani e, negli ultimi giorni, sembrano avere consegnato agli insorti intere città e province senza combattere.

CONTINUA A LEGGERE IL SOLE24ORE.COM>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “AFGHANISTAN : SPRECHI E NEGLIGENZE U.S.A – IL RAPPORTO COMPLETO”

  1. Grazie al cielo abbiamo finito di buttare soldi per l’Afganistan.
    Adesso con i talebani si trovano benissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.