Evade dai domiciliari e aggredisce un carabiniere per farsi arrestare: “Non voglio più stare in casa con mia suocera”

Roma, 13 sett 2021 – Per un 52enne originario di Lecce ma residente ad Asti, condannato a due anni e due mesi per maltrattamenti nei confronti della madre, gli arresti domicliari decisi dal giudice erano divenuti una misura insopoportabile. “Non ce la faccio più a vivere in casa con mia suocera”, avrebbe detto al telefono ai carabinieri, implorandoli di arrestarlo e portarlo in carcere.

Gli uomini dell’arma, sorpresi dalla singolare richiesta, hanno spiegato al 52enne i motivi per cui la sua richiesta non fosse realizzabile. Ma dopo sole 24 ore, durante un controllo di routine, l’uomo non si è fatto trovare nel suo appartamento. Le ricerche sono durate meno del previsto: il “latitante” si è presentato di sua spontanea volontà in caserma. “Sono evaso ed eccomi qui per costituimi. Adesso mi potete arrestare”.

Davanti ad un nuovo rifiuto da parte degli agenti, ha aggredito a calci e pugni uno di loro, riuscendo nel suo intento di essere incriminato per aggressione e resistenza a pubblico ufficiale e per questo motivo arrestato.

Davanti al gip si è scusato per l’aggressione, ammettendo di aver esagerato con il vino e di non ricordare nulla degli eventi del giorno precedente. In attesa di essere giudicato per direttissima, passerà il tempo che lo separa dalla sentenza in carcere, come sperato (FONTE>>>>>).

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.