Contratti: Fp Cgil, per Sicurezza e Difesa difficoltà in parte economica e normativa

Roma, 5 dic 2021 – ASCOLTANDO LE VARIE POSIZIONI DEI SINDACATI, DEI QUALI MOLTO SONO DELUSI DAL CONTRATTO, CI SI RIUSCIRA’ A FIRMARLO ENTRO L’ANNO? Il Ministro continua a dire che: prima doveva essere firmato entro fine novembre, poi ha detto che sarà firmato entro dicembre. Mentre tutto questo scorre sotto gli occhi di tutti, il personale guarda attonito e deluso dalla classe dirigente  e da quella politica. Non e’ possibile dopo 10 anni essere trattati come dei numeri. Si tratta di professionisti e anche con famiglia  a carico. Gli stipendi dei militari e poliziotti sono a conti fatti i piu’ bassi dell’Europa.

E tutto questo mentre alla classe dirigente viene concesso di tutto e di piu’.

SEGUE ARTICOLO DEL SINDACATO FP-CGIL,
SUL PUNTO DEI CONTRATTI.

“Serve confronto con la parte politica per capire se trattativa può proseguire’. “Leggendo le proposte avanzate dalla parte pubblica possiamo tranquillamente affermare che non ci sono le condizioni per dire che il confronto per il rinnovo del contratto sia in dirittura di arrivo. Ci sono difficoltà oggettive nella condivisione sia della parte economica che di quella normativa nelle bozze che ci sono state presentate fino ad oggi. Per questi motivo abbiamo chiesto un confronto con la parte politica per capire se ci sono spazi per proseguire la trattativa”. Questo il commento della Fp Cgil dopo l’incontro di oggi per il rinnovo del contratto di lavoro del personale del comparto Sicurezza e Difesa.

“Abbiamo bisogno – prosegue il sindacato – di un confronto vero sul sistema delle relazioni sindacali e non possiamo accettare che resti lo stesso pensato nel 1995, con qualche lieve modifica sulle federazioni sindacali. Abbiamo chiesto più volte di rafforzare gli strumenti di partecipazione, ad esempio istituendo commissioni paritetiche su argomenti importanti come le politiche di genere e il fenomeno dei suicidi dei Poliziotti Penitenziari, ma non abbiamo ricevuto alcun riscontro. Nella parte economica apprezziamo lo sforzo fatto per istituire un’indennità che vada a remunerare i servizi svolti nelle sezioni detentive, ma questo non può essere fatto sottraendo le risorse da altre indennità che vanno a remunerare i turni notturni o la revoca dei riposi settimanali o da quelle destinate al fondo incentivante. Servono ulteriori risorse da destinare al salario accessorio e per reperirle serve un confronto con i Ministri competenti”, conclude la Fp Cgil.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

4 thoughts on “Contratti: Fp Cgil, per Sicurezza e Difesa difficoltà in parte economica e normativa”

  1. ancora con questa presa in giro, ma cosa stanno facendo i nostri ” Rappresentanti “. LA VOGLIAMO FINIRE O NO, I SINDACATI CHE FANNO, LA VOCE GROSSA SCRIVENDO? MA FINITELA, SIAMO UN BRANCO DI PECORONI. O SI FANNO FATTI O LASCIAMO PERDERE CI RENDIAMO SOLO RIDICOLI.

  2. Ma quale benzina o mezzo pubblico o autostrada, solo di benzina non bastano 20 euro al giorno o di metano 10 euro al giorno o di biglietto treno e bus altri 12 al giorno il tutto x 20 giorni lavorativi al mese fatevi due conti che non ci fate neanche una settimana al mese solo di carburanti o biglietti e mediamente i pendolari almeno 100 km al giorno fra andata e ritorno li fanno. Percui direi di integrare i giorni lavorativi con un po di malattia o licenze varie o cercare di fare il meno possibile, tanto i dirigenti non hanno problemi di stipendio aumento o benefici vari e siccome l’azienda e’ la loro si arrangiassero a dimostrare la loro efficenza e organizzazione di sto c…..

  3. Si provate a fare la somma dell’ultimo contratto ricevuto (2016-18) con quello che vogliono dare oggi, poi la dividente per 11 anni e vi rendete conto che in tale periodo sono stati stanziati circa 0.40 -0.70 centesimi lordi al mese.

  4. Ancora a discutere di questo vergognoso misero aumento?
    Ritiratevi!
    Ma….questi PSEUDO sindacati hanno iniziato a richiedere i fondi del contratto 2022-2024?
    Non riescono a concludere dopo tre anni un questo……figuriamoci se pensano al futuro…….
    V E R G O G N A T E V I ! ! !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.