CORONAVIRUS, BRUTTE NOTIZIE: Covid, Pfizer: “La fine della pandemia? Non prima del 2024”

Roma, 18 dic 2021  – UNA PANDEMIA CHE CONOSCIUTA ORMAI DA DUE ANNI, SECONDO GLI ESPERTI, NON CI LASCERA’ PRIMA DEL 2024. Si tratta di 4 o 5 anni che commisurati alla vita media delle persone è tantissimo. Un dramma soprattutto per i giovani, giovanissimi e per tanti che devono curare altre malattie negli ospedali pieni per esigenze covid.

SEGUE ADNKRONOS.
Quando finirà la pandemia da Covid-19? Non prima del 2024. A stimarlo è l’azienda farmaceutica Pfizer, secondo quanto ha dichiarato il direttore scientifico Mikael Dolsten in una videoconferenza. Allo stesso tempo Dolsten ha spiegato che i dati in loro possesso dimostrano come il vaccino contro il Covid-19 sviluppato insieme a BioNTech funzioni meglio con tre dosi.

L’azienda farmaceutica, ha aggiunto, sta anche sperimentando un vaccino più leggero per i bambini tra i due e i quattro anni.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

4 thoughts on “CORONAVIRUS, BRUTTE NOTIZIE: Covid, Pfizer: “La fine della pandemia? Non prima del 2024””

  1. E’ inutile girarci intorno, se così fosse, vivere un periodo cosi lungo con questo virus sarà dura se non obbligheranno tutti al vaccino. Abbiamo medici di famiglia che non visitano neanche nei confronti di chi ha 3 dosi anti covid-19 più un vaccino antinfluenzale, malati oncologici o affetti si altre patologie gravi che non trovano un posto letto libero in ospedale, compreso gli infortuni traumatici. Così si perderanno cure a malati gravi per sopperire a questi focolai di covid-19 se non si pone subito alternative e disposizioni di legge per garantire le cure a tutti.

  2. Per la Pfizer la pandemia dovrebbe durare più a lungo possibile altrimenti come fanno a speculare

  3. Per la Pfizer la pandemia dovrebbe durare più a lungo possibile altrimenti come fanno a speculare.
    Infatti questi sieri stanno contribuendo ad allungare i tempi di questa pseudo epidemia con il numero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.