Trasferimento per ricongiungimento familiare anche al militare che convive

Roma, 22 dic 2021 – Non si può negare il trasferimento del militare, per ricongiungimento familiare, in caso di more uxorio. La vicenda terminata con una sentenza (00829/2021) del Tar di Cagliari:

Nel 2019 (il 13 dicembre), un maresciallo dei carabinieri, che presta servizio, in qualità di addetto, assieme alla compagna avvia il procedimento per l’istituzione della «convivenza di fatto e della relativa modifica anagrafica della relazione di parentela in convivente di fatto», (a norma dell’articolo 1, commi 36 e 37, della legge 76/2016).

A febbraio del 2020 informa il comando Legione Carabinieri di Sardegna «di aver costituito una famiglia anagrafica e di avere un rapporto more uxorio con una donna». Successivamente la signora vince un concorso da ostetrica in un’azienda ospedaliera fuori regione. Inizia a lavorare il 1° agosto. Due settimane più tardi il maresciallo presenta istanza di trasferimento per «ricongiungimento familiare».

A dicembre arriva la risposta dal comando generale dell’Arma che rigetta l’istanza dichiarandola inammissibile in assenza del presupposto che legittimi la sua presentazione perché «solo il coniugio, e non anche la convivenza di fatto, potesse essere messo a fondamento della richiesta di ricongiungimento familiare». C’è quindi il ricorso al Tar. Il militare chiede, previa sospensiva, l’annullamento del provvedimento.

CONTINUA A LEGGERE ILSOLE24ORE.COM>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.