ARRIVANO I SOLDI DEL CONTRATTO? Pochi, maledetti e neanche subito!

Roma, 23 dic 2021 – AVVANTAGGIATO IL PERSONALE MILITARE DEI REPARTI SPECIALI E PARTICOLARI. Leggendo velocemente il contratto appena firmato si capisce subito che i soldi per i pochi sono veramente irrisori. Va un po’ meglio, o molto meglio a seconda da dove si laVora e all’incarico posseduto.

Non c’e’ dubbio che chi svolge lavori di piu’ alta QUALIFICA e impegno sia riconosciuto qualcosa in piu’, ma questa cosa andava fatta con altri fondi economici, e non prendendoli da quelli stanziati per gli aumenti degli stipendi.

Aumenti netti di 50 – 80 euro nette CIRCA, dal piu’ giovane al piu’ alto in grado.

Ancora una volta nessun riconoscimento per i cosi’ detti incarichi amministrativi con nomina ministeruiale, tipo consegnatari per debito di custodia, ecc. ecc..

Guardiamo avanti, perche’ indietro non c’e’ veramente nulla.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

6 thoughts on “ARRIVANO I SOLDI DEL CONTRATTO? Pochi, maledetti e neanche subito!”

  1. Pochi? magari pochi…non siate ridicoli….40 euro netti ..lo chiamate rinnovo di un contratto ? se voi siete il futuro sindacale…
    avete iniziato benissimo…..io mi sento proprio al sicuro con voi …grazie…veramente grazie di cuore…….
    10 anni di fermo stipendiale + tre anni di contratto scaduto…siete riusciti a farci aumentare 40 euro..neanche mio figlio di 6 anni avrebbe potuto fare peggio….ancora Grazie

  2. ….ancora una volta leggo considerazioni del tipo “bisognava aumentare lo stipendio base a tutti tralasciando le indennità di chi svolge incarichi speciali e particolari…da trattare con altre somme…”.
    E ancora una volta chi esprime, seppur lecitamente questo pensiero, non ha compreso le vere ragioni dell’ennesima presa per i fondelli
    Gli appartenenti ai reparti speciali, in particolare, unitamente agli appartenenti ai reparti di primo e pronto impiego, vale a dire i reparti di massima operatività delle nostre forze armate e corpi armati dello Stato, oltre alle comuni responsabilità comuni a tutti i militari ne hanno di ben più particolari ogni giorno, letteralmente.
    Oltre a ciò’, sarebbe bene che tutti, ma proprio tutti, ricordassero che nei reparti operativi di prima linea ed in particolare nelle forze speciali si corrono rischi elevatissimi, già durante la selezione e la formazione.
    Se qualcuno avesse ancora dubbi in merito, potrebbe informarsi su eventuali scontri a fuoco reali e relative conseguenze per quanti ci si siano trovati coinvolti, nelle numerose missioni in cui l’Italia è stata chiamata a partecipare, con caduti e feriti gravi….la stragrande maggioranza di essi appartengono o appartenevano a forze speciali e reparti di prima linea, o di supporto diretto alla prima linea.
    E comunque sia se hanno ottenuto questo più che giusto risultato è anche perché hanno degli ufficiali capaci di rappresentare efficacemente i loro problemi e le loro aspettative, cosa che purtroppo non avviene per tutte le specialità, in particolare per quelle che non prevedono ufficiali in nelle tabelle organiche.
    A meno che non crediate che questo risultato sia dovuto al caporal maggiore Francesco Gentile, noto rappresentante COCER…Liberi di farlo, ma temo sareste in grossolano errore…il COCER non è autonomo, ci sono sempre gli ufficiali di mezzo, anche se preferiscono non fare proclami in stile Gentile.
    Scrivo queste considerazioni pur avendo visto, per l’ennesima volta, le mie indennità di specialità ferme al palo, da almeno quindici anni, pur appartenendo ad una specialità militare di prima linea, ma siamo solo sottufficiali e graduati, non abbiamo ufficiali e quindi non abbiamo alti gradi a rappresentarci oltre al fatto che di noi, la rappresentanza forse non conosce neanche l’esistenza o comunque, se ne sbatte altamente.
    Dovreste meravigliarvi ed angustiarvi degli aumenti all’operativa dei previsori meteo, di cui sarebbe quantomeno interessante, se non comico, leggerne le motivazioni…40% in più…la maggior parte sono ufficiali…tipo quelli che illustrano le previsioni del tempo alla RAI….una mansione rischiosissima!
    Oppure potreste meravigliarvi dell’ indennità per accertamenti amministrativi per la guardia di finanza…cioè per chi spulcia partite doppie aziendali…non per i finanzieri dei posti di blocco per le strade delle nostre città.
    E ancora potreste meravigliarvi del cospicuo aumento per l’ indennità di turnazione dei controllori di volo, che già ne usufruivano oltre ad avere dignitosissime indennità di controllo spazio aereo, suddiviso in tre classi, di per se giustissimo, ma proprio non capisco perché la loro indennità di turno debba essere superiore a quella di altri turnisti, forse perché la maggior parte sono ufficiali??
    Volendo continuare potremmo farlo per un bel po….ma resta il fatto che come ho detto più volte, dovremmo ricordarci che pur essendo tutti militari non siamo tutti uguali, soprattutto negli incarichi personali.
    Un caporal maggiore incursore, dei paracadutisti, un alpino, un bersagliere….un sottocapo sommergibilista o equipaggio di una fregata…un primo aviere aerosoccorritore o operatore di bordo di elicotteri SAR o Combat SAR, per quanto giovani e di grado poco elevato corrono rischi personali elevatissimi e indiscutibili, oltre ad essere la “ragione sociale” delle forze armate, motivo per cui è assolutamente giusto e prioritario che gli si riservì la dovuta attenzione anche di carattere amministrativo.
    È in questi incarichi, insieme ad altri che non ho menzionato ma che sono sono paritetici in ogni arma e corpi armati, che si rischia la vita, oltre a sanzioni disciplinari e amministrative….negli altri, di supporto logistico/amministrativo, si può incorrere in sanzioni o anche in procedimenti giudiziari, ma pur avendone il massimo e sincero rispetto per le loro responsabilità, non si può non riconoscere l’abisso esistente, partendo dalla selezione iniziale per arrivare ai rischi reali QUOTIDIANAMENTE affrontati.
    Immagino che in molti mi criticheranno, ma questa resta la realtà dei fatti.

  3. Per Anonimo….forse è come dici…o forse no…ma sento troppi e da troppi anni lamentarsi del fatto che stipendi e indennità non sono uguali per tutti….credo che siamo giunti al paradosso assoluto.
    Piuttosto…ricordatevi di questo “fantasmagorico successo” del COCER, quando sarete chiamati al rinnovo della rappresentanza nei vostri reparti…chi è causa del proprio male può pingere solo se stesso…personalmente ho smesso di farlo da che ero sergente di prima nomina…circa 32 anni fa.😏

  4. Per Nessuno anche per noi personale imbarcato, le indennità di imbarco e rischio sono ferme da anni, eppure a bordo in mare puòcapitareditutto. Hanno fatto la riforma dei gradi orbene percepisco la stessa somma di uno o 2 gradi più bassi!!!! Buon natale a tutti

  5. Per PAOLO…mi dispiace…personalmente ho grande rispetto e stima per il personale degli equipaggi della Marina…evidentemente neanche voi siete rappresentati come meritereste…in ogni caso buon Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.