Vaccini – Il sindacato di Polizia COSAP non ci sta e diffida Ministero e Aifa

Roma, 4 gen 2022 – Il sindacato di Polizia Cosap (Coordinamento sindacale appartenenti Polizia) ha inviato una diffida ad astenersi dall’imposizione del trattamento con “vaccini” Covid 19. Come si legge nel loro comunicato, “in data 21/12/2021, il Cosap inviava una missiva all’AIFA, in risposta alla loro nota n° 0147737-17/12/2021-AIFA-AIFA_STDG-P.

In data 31/12/2021 apprendeva di una confusa e contradditoria circolare n° 850/A.P1-0023690, emanata dal Ministero dell’Interno, Dipartimento di Pubblica Sicurezza- Direzione Centrale di sanità, nella quale si evidenziano delle chiare contraddizioni che qui di seguito si riportano”.

Ossia: “Per quanto attiene alle numerose istanze di ostensione della prescrizione medica con riferimento all’obbligo vaccinale, si comunica che, con nota prot. STDG/CC/NM 0147737 del 17 dicembre 2021 pervenuta a questa Direzione, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha prospettato l’infondatezza giuridica e scientifica della stessa, specificando che i vaccini anti SARS-CoV-2 autorizzati all’immissione in commercio sono medicinali soggetti a prescrizione medica limitativa, ai sensi dell’articolo 91 del d.lgs. n. 219/2006, la cui prescrizione o utilizzazione è limitata alle strutture identificate sulla base dei piani vaccinali o di strategie specifiche messe a punto dalle regioni”

CONTINUA A LEGGERE E VISIONA IL DOCUMENTO COMPLETO QUI>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

2 thoughts on “Vaccini – Il sindacato di Polizia COSAP non ci sta e diffida Ministero e Aifa”

  1. sarebbe interessante pubblicare il link di collegamento al documento 0147737-17/12/2021-AIFA-AIFA_STDG-P.

  2. Auspico che questa lodevole e coraggiosa iniziativa sia da esempio per altre categorie. Forze dell’ordine in generale (carabinieri, polizia locale), il sindacato delle strutture turistiche in generale, la confcommercio e tutti i sindacati legati al territorio. Non solo: medici di base, i rappresentanti degli operatori sanitari etc, praticamente tutti. Credo vadano esclusi i tre sinacati nazionali perchè di fronte a dei lavoratori che dopo aver trascorso ore gomito a gomito devono pranzare fuori dalla mensa magari al freddo, non puoi nasconderti con: “…ma noi avevamo chiesto un gazebo…”, capite che non si hanno speranze.
    Di tutto cuore: In bocca al lupo.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.