Il personale attende i soldi che gli spettano – ASPMI

Roma, 10 mar 2022 – Come ben sappiamo, il 23 dicembre 2021, le parti sociali e alcuni esponenti del governo hanno firmato il rinnovo del contratto del personale appartenente al comparto Difesa e Sicurezza riferito al triennio 2019/2021.

Allo stato dell’arte, occorre portare all’attenzione il ritardo degli effetti del rinnovo contrattuale, vale a dire l’assenza di incrementi stipendiali nelle tasche del personale.

Oltre a questo, corre l’obbligo evidenziare che ci troviamo dinanzi ad un contratto già scaduto al momento del rinnovo, pertanto il significativo ritardo nell’erogazione degli emolumenti risulta inspiegabile ai tanti lavoratori in divisa. L’ARTICOLO CONTINUA QUI >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

2 thoughts on “Il personale attende i soldi che gli spettano – ASPMI”

  1. Non solo rinnovato dopo tre anni di attesa, ma é pur vero che di quei soldi stanziati negli anni precedenti alla sua naturale scadenza e cioè prima del 2019 , tali sono rimasti magari sono anche diminuiti e non vi é una ragione logica di aver protratto una lungaggine per la sua definizione del contratto per pochi e miserabili aumenti stipendiali, tuttora latitanti.

  2. Unica soluzione, armarsi e partire per verificare dove sono finiti questi fondi piu’ o meno occulti e dichiarati per coprire la spesa, il resto sono solo chiacchere e lamentele di cui i politici e governanti se ne fregano altamente……o agisci o ti stai muto e rassegnato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.