Lungaggini nell’adeguamento stipendiale e nella corresponsione degli arretrati. Il SINAFI unitamente ad altre sigle scrive al Presidente del Consiglio e ai Ministri

Roma, 16 mar 2022 – Il contratto di lavoro é stato firmato ormai da mesi, per la precisione il 23 dicembre dell’anno scorso, ma gli adeguamenti stipendiali e la corresponsione degli arretrati sono ancora un miraggio.

La questione più inquietante, inoltre, sono i tempi ancora lunghi che sembrano prospettarsi all’orizzonte e che fanno ipotizzare una conclusione dell’iter non prima del mese di Giugno.

Dopo tre anni di attesa di un rinnovo contrattuale, con luci ed ombre, appare assurdo dover attendere ancora più di sei mesi per vedersi corrispondere quanto spettante.

Per queste ragioni, il SINAFI, insieme ad altre sigle autorevoli , alcune delle quali maggiormente rappresentative nel panorama sindacale del comparto difesa, sicurezza e soccorso pubblico, hanno scritto al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai Ministri di riferimento per un loro intervento risolutivo della problematica.

Clicca per leggere la lettera.

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.