RUSSIA CONTRO UCRAINA / LA NATO NON ARRETRA/ Soldati e tank ai confini: le grandi manovre Nato per proteggere l’Europa

Roma, 30 apr 2022 – L’ITALIA FORNIRA’ 350 / 400 paracadutisti del 187° reggimento Folgore. Parteciperanno alla manovre, che mobilitano anche un C 130 dell’aeronautica fino al 24 maggio.

SEGUE RITAGLIO DI ARTICOLO TRATTO DA ILGIORNALE.IT
Da domani via a una delle maggiori esercitazioni militari dalla Guerra Fredda. Schierati circa 20mila soldati in Polonia, Lettonia, Lituania e Macedonia. Carri armati lungo la frontiera finlandese.

La Nato, capitanata dagli inglesi, mostra i muscoli con la mobilitazione di 8mila uomini di Sua Maestà britannica in una serie di esercitazioni che si tengono in Europa ogni anno, ma adesso sono un chiaro segnale ai russi che hanno invaso l’Ucraina. E l’esercito italiano è direttamente coinvolto, dal 5 al 24 maggio, nella Macedonia del Nord nell’esercitazione «Risposta rapida» con 350-400 paracadutisti assieme agli inglesi.

prossimo mese si terranno altre manovre al confine fra Estonia e Lettonia con ben 18mila soldati della Nato, non lontano dal confine russo. Gli alpini della Taurinense, dispiegati in Lettonia, parteciperanno con un centinaio di uomini come «Opfor» simulando le forze nemiche. L’ARTICOLO CONTINUA QUI >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

2 thoughts on “RUSSIA CONTRO UCRAINA / LA NATO NON ARRETRA/ Soldati e tank ai confini: le grandi manovre Nato per proteggere l’Europa”

  1. avanti così che l’atomica s’avvicina
    “Putin ha avvertito che userà armi nucleari contro l’Occidente se qualcuno interferirà in Ucraina.”
    il ‘sarmat’ arriverà in ca, 2′ a Berlino, Parigi, Londra .. ci vorrà un po’ i più per New York ma Roma è vicina

  2. ….e tu MARK, cosa proponi di fare per arrestare l’ INVASIONE DI UN PAESE SOVRANO E LIBERO E LA SUA SISTEMATICA DISTRUZIONE DA PARTE DELLA FEDERAZIONE RUSSA DI PUTIN??…credi di poterlo fermare con una bella marcia della pace condita di distese di bandiere arcobaleno?…credi che queste bandiere possano convincerlo ad arrestare la sua avanzata e magari riportare le sue armate, comprese le formazioni del Gruppo Wagner ( mercenari di stato impiegati per le azioni più sporche al di fuori di ogni concetto di pieta’ umana) e quelle dei tagliagole Ceceni, le sue flotte, all’ interno dei confini e acque territoriali della federazione Russa??
    Oppure forse proponi che l’ occidente, l’ unione europea, la NATO, organizzazioni di cui anche l’ Italia, e quindi anche tu, fa parte faccia prevalere il suo, ahimè anche troppo diffuso, sentimento di pace a tutti i costi, specie adesso che il culo nella padella è solo quello degli Ukraini?
    Io credo e per fortuna lo crede anche la parte che conta dei singoli paesi occidentali, che ciò varrebbe a dire di spianare un bel tappeto rosso a Putin( colore a lui e a tanti russi, ma purtroppo vedo anche a tanti occidentali ) e lasciarlo libero di sottomettere, dopo averla riportata al Medio Evo, l Ukraina, ma non solo, perché vedendo la nostra codardia, molto probabilmente cercherebbe dapprima di spaccare irrimediabilmente la compattezza Nato e dell’ Eu, per poi operare dapprima con la disinformazione mediatica ( già ampiamente in atto ) e infine varcando altri confini, con le buone o con le cattive e riprendersi almeno gli ex stati satelliti del decaduto Patto di Varsavia, ma probabilmente non si fermerebbe neanche a quelli.
    Comunque, sempre che tu sia dell’ idea che la Russia di Putin vada fermata, forse potresti fare strada tu stesso a convincerli a fermarsi, a tornare a casa loro e a risarcire l Ukraina per le immense distruzioni e le gravissime perdite umane cagionate, magari con una bella manifestazione di libertà di pensiero e libertà e giustizia per l’ Ukraina ed il SUO CORAGIOSISSIMO POPOLO! ( valore che noi purtroppo stiamo dimenticando ), nel pieno centro di Mosca.
    Chissa, forse potresti convincerli, o forse no….tu che dici?
    Io dico che oggi l’ Ukraina rappresenta idealmente e politicamente, oltre che umanamente, il confine del mondo occidentale e dei suoi valori, dei nostri valori.
    Tra essi, la libertà di e spressione di pensiero e orientamento politico sociale e religioso e anche sessuale, democraticamente conquistati, anche con gravissimi sacrifici in termini di vite umane nell’ ultimo conflitto mondiale e successivo dopoguerra ( o meglio, guerra fredda ) che anche tu, del tutto lecitamente puoi permetterti di esercitare qui, ma del quale dubito fortemente potresti avvalerti in Russia, addirittura in sito dedicato al mondo militare e delle forze dell’ ordine.
    Io credo fermamente che l’ Ukraina vada sostenuta con forza e piena convinzione, con ogni mezzo, se necessario giungendo anche a farlo direttamente e non solo con l invio di armi ( pensiero del tutto personale ) perché difendendola difendiamo anche noi stessi e i valori, per quanto imperfetta possa esserne l interpretazione e l’ applicazione pratica, ribadisco ancora, I NOSTRI VALORI E LA NOSTRA LIBERTÀ.
    In quanto agli ordigni nucleari, Putin ed i suoi alleati e sostenitori sanno bene che non sono i soli a possedere…70 anni di pace in Europa e in occidente, benché “pace armata”, si sono basati proprio sulla deterrenza nucleare e la paura reciproca del loro utilizzo…semplicemente, in una ipotesi di conflitto anche con armi nucleari, tattiche o strategiche, Putin non potrebbe vincere, e questo i suoi strateghi lo sanno molto bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.