Funzionario di polizia suicida durante l’arresto per corruzione: si è lanciato dal sesto piano

Roma, 13 mag 2022 – Ha chiesto di poter andare in bagno, ma una volta dentro ha aperto la finestra e si è lanciato di sotto. Così è morto M. M., 61 anni, funzionario della polizia provinciale di Palermo. L’uomo era accusato di corruzione. Il suicidio è avvenuto questa mattina, quando alle prime luci dell’alba i militari della guardia di finanza lo hanno raggiunto nella sua abitazione a Bagheria per notificargli l’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Un finanziere ha tentato di salvarlo, senza successo: ferito gravemente a una mano, è stato portato al pronto soccorso per essere medicato. Il finanziere era indagato insieme ad altre nove persone nell’ambito di un’inchiesta per corruzione.

A essere coinvolti, diversi imprenditori che operano nel settore dei rifiuti. Secondo la procura, avrebbero ottenuto rinnovi di autorizzazioni ambientali o soffiate su quando si sarebbero svolti ispezioni e controlli. Il presunto giro di mazzette si sarebbe aggirato intorno ai 15mila euro.

CONTINUA A LEGGERE fanpage.it>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.