ESCALATION DEL FENOMENO SUICIDIO NELL’ARMA DEI CARABINIERI

Roma, 5 ago  2022 – L’ ennesima notizia che sconvolge famiglie, colleghi e persone. Il fenomeno suicidario nell’Arma è incalzante e purtroppo ha nuovamente colpito la Stazione Carabinieri Forestale di Picinasco, dove venerdì pomeriggio si è tolto la vita un carabiniere, il secondo nella stessa caserma nel giro di un anno. Secondo lo psicologo Sheneldman il suicidio è un atto conscio di auto annientamento.

Il SIULM vuole rendere chiara la propria posizione per cercare, insieme all’impegno della Difesa, di far si che non si verifichino più gesti così estremi. Monitorare il fenomeno e le cause correlate permetterebbe di adottare misure idonee e adeguate al fine di riconoscere e scongiurare l’espressione di un gesto cosi drammatico. Lo studio primario dovrà essere volto a comprendere se i carabinieri siano propensi a chiedere aiuto all’interno dell’Arma, quali siano le motivazioni ostacolanti e quali quelle che possano invece facilitare la tempestiva richiesta d’aiuto.

Inoltre, il sindacato, con il suo Dipartimento di Supporto Psicologico, è fermo nel proprio intento di dover intervenire su di un duplice fronte: da un lato, individuare i fattori di rischio comuni, non solo ambientali ma anche biopsicosociali, al fine di delinearli e correggerli; dall’altro, incrementare i fattori di protezione creando un protocollo di sostegno e supporto.

Infine, appare necessaria anche un’intensa attività di in-formazione che possa rendere lo stesso contesto capace di individuare e intervenire precocemente al primo manifestarsi di segnali di sofferenza: è fondamentale che anche i colleghi diventino sentinelle attente per essere supportivi nei confronti di chi sta perdendo totalmente la speranza.

Anche per questo, il SIULM, oltre a proporre webinar informativi sul fenomeno e sull’importanza del sostegno psicologico, si è dotato di un proprio Dipartimento di Supporto Psicologico ed ha stipulato una convenzione con l’Istituto per lo studio delle psicoterapie, con il fine di mettere a disposizione professionisti psicologi e psicoterapeuti per i militari e i loro familiari.

Incrementare il supporto è la chiave di volta per essere incisivi sui suicidi che spezzano e sconvolgono la vita di troppe persone. (www.siulm.it)

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.