MILITARI CHE SEGNALANO ILLECITI: TUTELATI DALLA LEGGE

Roma, 22 set 2022 – L’ANAC, l‘Autorità Nazionale Anticorruzione, ha riconosciuto anche ai militari tutte quelle tutele già previste per legge ai whistleblower, ovvero al dipendente pubblico che segnala illeciti di interesse generale.

In altre parole, i militari possono segnalare chiunque commetta azioni illecite di ogni natura, Comandanti compresi, e se di interesse generale e non personale, senza dover temere ritorsioni di alcun tipo, anche nel caso di chiusura del fascicolo.

Ne è dimostrazione la storia di un militare di una Capitaneria di Porto che ha presentato un esposto all’Autorità Giudiziaria, poi archiviato dalla Corte dei Conti, per segnalare quella che riteneva essere un’attività illecita compiuta dal suo Comandante. Il militare, nella fattispecie, con la sua segnalazione, ha sollecitato un accertamento sulla gestione delle risorse economiche impiegate nella movimentazione del personale militare. Lo stesso, dopo la denuncia, è stato sanzionato dal Comandante con un giorno di consegna di rigore “per aver reso giudizi fortemente critici e lesivi della dignità del corpo di appartenenza”.

L’ intervento dell’Autorità Anticorruzione non solo ha consentito l’accertamento dell’illecito, causa di danni erariali alla pubblica amministrazione, ma ha anche permesso la cancellazione della sanzione disciplinare dal curriculum del militare in quanto ritenuta di natura ritorsiva. E non solo. L’ANAC ha comminato pure una sanzione di 5 mila euro al Comandante.

Il militare dunque è stato soggetto di tutele da parte dell’Autorità Anticorruzione, la quale, nella sentenza, ha chiaramente precisato che la normativa a difesa del whistleblower si applica “in maniera pacifica anche ai militari e alle forze di polizia”. (Delibera ANAC 311/2022)

Il SIAM ritiene fondamentale la lotta alla corruzione ed agli abusi che si dovessero perpetrare all’interno della nostra Amministrazione. In tal senso saremo sempre affianco di coloro che vorranno denunciare atti di illegalità dei quali dovessero essere testimoni.

I nostri iscritti potranno quindi contare sul supporto del SIAM per veicolare nel modo corretto tali denunce.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.