Libertà sindacale militare come la Polizia: il riso e l’oblio

Roma, 10 nov 2020 – Finalmente una voce fuori dal coro, quella della senatrice Angela Bruna Piarulli (M5S), già direttrice del carcere di Trani, che propone per i militari una norma sulla libertà sindacale militare simile a quella della Polizia di Stato. 

La senatrice il 7 ottobre aveva dichiarato: “Il Movimento 5 Stelle sta lavorando in Parlamento, alla Camera prima e ora al Senato, affinché venga licenziata la migliore legge possibile sulla rappresentanza militare, una legge che non sia frutto di compromessi al ribasso ma rappresenti invece un vero passo avanti in tema di rappresentanza sindacale militare sancendo finalmente reali diritti sindacali alle donne e agli uomini in divisa”.

Poi aveva spiegato che “la legge licenziata dalla Camera è suscettibile di miglioramenti e a questo scopo ho depositato in Senato una serie di proposte”.

E, infatti, il 30 settembre era stato presentato il Disegno di Legge n. 1950 a iniziativa Parlamentare della senatrice Angela Anna Bruna Piarulli (M5S).

Dopo l’annuncio nella seduta n. 260 del 5 ottobre 2020, il DDL è stato assegnato alla 4ª Commissione permanente (Difesa) in sede referente, il 2 novembre 2020.

Il disegno di legge

Ma cosa prevede il disegno di legge? L’articolo completo continua sul portale del Sindacato Autonomo dei Finanzieri, clicca qui >>>

 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.