ALLOGGI DEMANIALI DIFESA: Casadiritto aderisce all’iniziativa indetta per il giorno 9/2/2021 ore 15,00 a Piazza Montecitorio (Camera Deputati), in occasione discussione Decreto MILLEPROROGHE..

Roma, 6 feb 2021 – COMUNICATO STAMPA. Pur nelle differenziazioni dovute al particolare “Status“ giuridico degli Alloggi di Servizio del Ministero della Difesa, l’Associazione CASADIRITTO, che raccoglie le esigenze del personale in servizio e in quiescenza e loro familiari, utenti del Patrimonio immobiliare della Difesa, aderisce all’iniziativa indetta  dalle maggiori centrali degli inquilini, UNIONE INQUILINI , SUNIA, SICET e UNIAT per il giorno Martedì 9 febbraio 2021 a Piazza Montecitorio – Camera dei Deputati,  alle ore 15, in occasione della discussione presso le competenti Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio riguardante il Decreto ”MILLEPROROGHE” all’interno del quale dovrebbero essere comprese misure per un temporaneo blocco degli sfratti.

CASADIRITTO  esprime contemporaneamente  preoccupazione e solidarietà per le famiglie colpite  in derivazione delle centinaia  di sfratti che vengono in questi giorni annunciati e notificati dagli Organi Militari, pur in presenza delle note difficoltà socio/economiche dovute al COVID.  

A nostro giudizio tale  sospensione degli sfratti da auspicare,  dovrà essere solo un  punto di partenza che vada in direzione  di  un diverso modo di gestione degli alloggi della Difesa per il superamento del Decreto del 16 marzo 2011,   per una effettiva politica della casa  finalizzata alla difesa  della tutela del diritto costituzionale alla casa, sia per le famiglie dei militari in servizio che per quelle degli utenti in quiescenza. 

Roma li 6.2.21            

IL COORDINATORE NAZIONALE CASADIRITTO
 Sergio Boncioli

 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.