Porto d’armi: proposta di estensione anche agli operatori delle Forze di Polizia in quiescenza

Roma, 29 mag 2021 – Lo scopo della proposta è quello di consentire a tutti gli operatori di portare fuori dal servizio armi facilmente occultabili e, dunque, gestibili anche in abiti borghesi.

È passata inosservata la proposta di Legge n. 3049, presentata il 22 aprile u.s. in materia di armi e loro uso da parte del personale, anche in pensione, delle Forze di Polizia.

Nella proposta normativa si propone di modificare l’articolo 42 del Testo Unico delle Leggi di pubblica sicurezza R.D. 18 giugno 1931 n. 773, al fine di consentire a tutti gli agenti e ufficiali di polizia giudiziaria delle Forze di polizia ad ordinamento civile e militare a portare “senza licenza le armi previste dall’art. 42”.

Lo scopo della proposta è quello di consentire a tutti gli operatori di portare fuori dal servizio armi facilmente occultabili e, dunque, gestibili anche in abiti borghesi.

In pratica si intende consentire, fuori servizio, di portare armi che non siano di ordinanza. Ad oggi, tutti gli operatori delle Forze dell’Ordine possono portare fuori servizio esclusivamente l’arma in dotazione individuale, cioè una pistola Beretta 92 FS.

Nell’articolo 2 della proposta di legge si prevede di estendere tale facoltà anche agli operatori delle Forze di Polizia in quiescenza. Una sorta di richiamo alle armi dei pensionati.

Sempre nell’ottica di più armi per tutti, l’articolo 2 comma 2 prevede un’ulteriore semplificazione delle pratiche burocratiche per il rinnovo del porto di armi, introducendo il meccanismo del silenzio assenso.

Si rimane interdetti nel constatare il silenzio tombale, da parte di tutte le forze politiche e dei mass-media, su una proposta di legge che meriterebbe un approfondito dibattito (fonte: Filodiritto.com).

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

24 thoughts on “Porto d’armi: proposta di estensione anche agli operatori delle Forze di Polizia in quiescenza”

  1. Non sono per mente d’accordo, è una mia opinione, non capisco lo scopo di questa proposta di legge, Attenazione penso che stiamo superando il limite, esempio: personale in quiescienza FF PP che ora fanno parte di associazioni a scopo protezione civile che fanno vanno in giro armati? pure il vigile urbano in quiescenza? E si già è un mezzo stato di polizia, che ci frega facciamo simili Argentina Cile anni 70 dai.

  2. Buona proposta pee chi ha lavorato e servito lo stato per anni. Non saprai mai chi ti vuole bene o male. L’unica che una persona che ha portato la divisa per decenni deve comportarsi sempre decorativamente.

  3. Mi sembra una cosa giusta anche perché una persona che ha portato un’arma per una vita e quando va in pensione in linea di massima gli veniva negata
    Anche perché è sempre facoltativo e non obbligatorio e una libera scelta

  4. Io credo che sia una giusta causa in quando potrebbero dare una mano alle forze dell’ordine in generale, come ogni buon Cittadino è un Pubblico Ufficiale ha il dovere di avvisare le forze dell’ordine venendo a vedendo un potenziale reato. Credo che se dovessero fare una cosa del genere giustamente avrebbero qualcosa x il riconoscimento. Senza ne Cile e ne Argentina con tutte quello che succede in ITALIA NON DOBBIAMO GUARDARE ALTROVE GUARDIAMOCI GUARDIAMOCI IL NOSTRO TERRITORIO.

  5. Era ora….lo stato non deve abbandonare chi ha fatto un lavoro “particolare” per quaranta anni…….in merito avrei tantissime cose da aggiungere…considerato che non ho fatto il postino.

  6. E tanto non si può neanche usare a che può servire? Ormai si è capito che in Italia, qualsiasi cosa accada la colpa è sempre dell’appartenente alle forze di polizia… sarebbe forse meglio eliminare il reato di tortura recentemente entrato in vigore, i colleghi secondo me lavorerebbero con più serenità, non credo proprio che nessuno si diverta a far da picchiatore

  7. Secondo me è giusto che approvino la legge x gli ex appartenenti alle forze di polizia a circolare con armi corti. La prima osservazione che faccio è che tanti colleghi come me che hanno combattuto la criminalità x tanti anni, quando vanno in pensione continuano x anni a recarsi nei tribunali per essere escussi come testi e non si sa chi ti vuole male.

  8. Secondo il mio punto di vista l’ idea non e male , dopo 40 di servizio sicuramente persone che ci odiano ci sono e non aspettano altro………… Chiaro se uno decide di girare didarmato liberissimo di farlo io sono per il si.

  9. La verità la dico io. A che cosa serve armare il personale in quiescenza? Pensate forse che i balordi temino qualche arma in più in giro ? No il balordo sa che comunque non la si può usare senza incorrere in eccesso o cavilli legali per un utilizzo improprio. Usare l’arma è sempre un grosso rischio. Anche difronte a pericoli reali l’agente operante va sempre nei casini. Rogne a non finire.Il politico di turno non vuole l’opinione pubblica contro , preferisce un bel funerale al carabiniere o poliziotto di turno sfortunato così da spararsi la foto in posa perché un servitore dello stato ha dato la vita, che un balordo ammazzato sul posto magari anche giustamente, dipende dai punti di vista sinistroidi e tolleranti. Con la tolleranza e il perbenismo siamo ridotti oggi che a Milano Roma e in genere in tutte le città italiane si spaccia alla luce del giorno e si delinque sotto gli occhi talvolta anche delle forze di polizia. Ma che possono fare, tanto le carceri sono piene le pene non ci sono i giudici sono in difficoltà e non possono procedere. Le leggi non sono adeguate e le pene non ci sono , non è vero che le leggi ci sono e non vanno applicate. Mentono tanto i nostri politici sono scortati, tutelati, vigilati, vivono in zone vip, auto di scorta e auto blu, non vivono la quotidianità del cittadino comune. Poco interessa che i supermercati negozi e attività varie siano infestati dentro e fuori di ladri di ogni tipo soprattutto extracomunitari e di cultura musulmana, è un dato di fatto. Io sono per l’accoglienza ma quella controllata e chi delinque deve essere sbattuto fuori dall’Italia. Non ci deve ritornare. Siamo invasi e fanno finta che è tutto ok. Non è così, siamo tutti in pericolo e quando saranno pronti passeranno al livello superiore . Lo predisse anche la Fallaci . l’Italia il paese più bello del mondo , i nostri governanti lo stanno svendendo e maltrattando , con la conseguenza che tanti perdono il lavoro per colpa della presenza di questi individui. Si potrebbe parlare all’infinito. Ma sono talmente schifato da come stanno gestendo che non riesco a continuare. Tutto questo per dire che armare i militari in quiescenza è l’ennesima trovata per vendere fumo e prendete per il culo. Non serve a una mazza.

  10. Sarebbe giusto poter portare al seguito un’arma anche chi e andato in pensione non vedo il motivo di negarlo dopo tanti anni di servizio, magari c’è qualcuno che ti vuol male e no lo sai, non mi faccio illusioni pultroppo in Italia si tenta di togliere il più possibile le armi dalla circolazione, e già tanto che non le tolgono alle forze dell’ordine, speriamo bene.

  11. La ritengo un’ottima proposta per contribuire anche in quiescenza, al mantenimento dell’ordine pubblico e dove occorre, ad essere di supporto alle forze di polizia

  12. Sarebbe anche giusto che venga estesa per tutte le forze armate (esercito) che anno i stessi requisiti forse anche di più avendo operato direttamente con armi e sono più preparati in questo campo

  13. …solo chi ha combattuto le mafie è consapevole dell’importanza di un’arma anche in quiescenza! Non dico altro! Sarebbe inutile, Non capireste!

  14. Io non posso che essere d’accordo,dato che chi a fatto parte delle forze di polizia anche se in quescenza non perde il dovere è la sua abnegazione a fare rispettare le leggi dello Stato, è poi può essere un buon aiuto a coloro che si tutto il territorio italiano sono ancora in servizio attivo è che non possono coprire tutto il territorio,quindi che ben venga una legge che dia a tutti gli ex appartenenti alle forze dell’ordine di poter dare il loro sostegno a fare tutelare le leggi italiane.

  15. NON DOVEVANO METTERE L’ART. 2 nella proposta di legge, ecco perche’ non e’ stata presa in considerazione,
    Il far portare anche armi corte occultabili in borghese era e deve essere rivolta solo agli operatori in attivita’ e servizio non ai pensionati. LA 92FS e’ poco occultabile.

  16. Ma si può essere più ignoranti di questo articolista? Il porto d’armi gratuito per gli appartenenti alle FFOO e della Polizia Locale già è previsto da anni. Questa proposta tende ad autorizzare chi è in servizio a portare una propria arma.

  17. Ottima proposta.. Dopo tanti anni trascorsi nelle file dell’arma… Trovarsi senza un’arma per difendersi e/o difendere. Non è di poco conto.. Nella maggior parte dei casi ci si congeda nei pressi dove si è lavorato. Quindi per chi capisce cosa vuol dire. Non farà altro che approvare tale proposta.

  18. Signori non usciamo troppo dall’argomento esempio pratico
    SIGNOR ANIELLO non siamo in CILE ne in ARGENTINA ok come dice lei pensiamo ai problemi che ci sono in ITALIA, mamma mia problemi infiniti, forse l’ARGENTINA e il CILE ora per quanto riguarda i “DIRITTI CIVILI” stanno molto ma molto più avanti di noi e poi se me lo permette si vada a vedere la “STORIA” Commissario di POLIZIA “CARUSO” anno 1944 è proprio lui che all’epoca ha fornito ai tedeschi i nomi di quelli che poi furono le vittime delle fosse ardeatine, e se lei ora fosse al posto del commissario “CARUSO” che farebbe??? sarebbe pronto a morire pur di non dare quella lista? l’Italia dovrebbe essere una delle democrazie più avanzate nel mondo ma stando ai fatti cosi non è,
    Per il signor GIUSEPPE sicuramente alle forze dell’ordine questa legge della tortura avrà complicato il naturale iter delle procedure di fermo, perchè come espressamente dice “le Forze dell’ordine non picchiano un sospetto per divertimento” quindi fa capire che se si picchia lo si fà per professionalità, perchè probabilmente si riesce ad ottenere qualcosa di utile per le indagini
    SIGNOR PIERPAOLO “40 anni di servizio” sicuramente sono d’accordo con lei, gli appartenenti alle forze di polizia con esperienza 30 o 40 anni che sano “veramente” gestire un arma hanno tutta la mia solidarietà se passa questa proposta di legge.
    voglio aggiungere per gli operatori in servizio e ripeto in “SERVIZIO” si si si si a questa proposta modifica alla legge

  19. Per mè va bene, anche se facoltativo anche le forze di polizia dello stato in quiescenza possono andare armati ed, è proprio in questi casi che criminali già conosciuti per motivi di servizioi potrebbero effettuare delle azioni illecite contro di essi.-

  20. giusto approvare, il porto d armi per un appartenente alle forze di polizia che ha prestato servizio per decenni in reparti di polizia giudiziaria che ha avuto a che dare con criminali di ogni categoria, perché negare il porto d armi, se e stata sempre una persona corretta onesta e non ha mai abusato dell arma neppure in servizio, responsabile e attivo nelle associazioni. E una concessione come la patente, sei abilitato e puoi guidare, quale arma peggiore dell auto, eppure tutti la possono avere, non solo, ma in caso di necessita le forze dell ordine in servizio avrebbero maggiore aiuto in eventuali situazioni di bisogno. Ma e ovvio certa politica e contraria perché magari la pensa dall altra parte, e si sa chi sta dalla parte opposta e un negazionista per dispetto.

  21. Io sono d’accordo a lasciare l’arma ai pensionati ma è altrettanto giusto ogni 2 anni sostenere un esame al poligono per accertare le capacità psicofisica a tenere un’arma in mano. E parlo dopo 35 anni di servizio, nei quali ho visto gente incapace e pericolosa anche per se stessi a due anni di servizio , pensate a 60 anni cosa potrebbero combinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.