Diffamazione a Sottufficiale dei Carabinieri, definitiva la condanna a Vittorio Sgarbi

Roma, 4 nov 2020 – E’ diventata ormai definitiva la condanna a 2700 euro di multa che il 18 luglio 2018 il Tribunale di Marsala ha inflitto a Vittorio Sgarbi per diffamazione nei confronti del maresciallo dei Carabinieri, ex comandante della stazione dei Carabinieri di Salemi (TP), Comune di cui Sgarbi è stato sindaco dal 2008 al 2012.

La quinta sezione della Cassazione ha dichiarato “inammissibile” il ricorso che il critico d’arte aveva presentato contro la condanna di secondo della Corte d’appello di Palermo. La Cassazione ha anche condannato Sgarbi al pagamento delle spese processuali, nonché di 3 mila euro in favore delle spese sostenute dalle due parti civili, liquidate in 3 mila euro ciascuna.

Secondo l’accusa, Sgarbi  avrebbe, in più occasioni, rilasciato dichiarazioni “tendenti a gettare discredito sull’operato” del sottufficiale, paventando anche qualche rapporto o conoscenza con ex deputato regionale della Dc, coinvolto in varie indagini. Ma la “conoscenza” che il maresciallo dei CC avrebbe avuto con il deputato sarebbe stata di altra natura, cioè investigativa.

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.