NORMATIVA / PERSONALE VIGILI DEL FUOCO / Armonizzazione del trattamento assicurativo contro gli infortuni in servizio e le infermita’ contratte per causa diretta ed immediata di servizio previsto in favore del personale volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Roma, 19 feb 2021 – DECRETO Ministero dell’Interno 28 dicembre 2020. (GU Serie Generale n.37 del 13-02-2021)

 

MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 28 dicembre 2020 

Armonizzazione del trattamento assicurativo contro gli  infortuni  in
servizio e le infermita' contratte per causa diretta ed immediata  di
servizio previsto  in  favore  del  personale  volontario  del  Corpo
nazionale dei vigili del fuoco. (21A00757) 

(GU n.37 del 13-2-2021)  
 
                      IL MINISTRO DELL'INTERNO 
 
                           di concerto con 
 
                      IL MINISTRO DELL'ECONOMIA 
                           E DELLE FINANZE 
 
  Visto il decreto legislativo  13  ottobre  2005,  n.  217,  recante
«Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del  fuoco,
a norma dell'art. 2 della legge 30  settembre  2004,  n.  252»,  come
modificato dal decreto legislativo 29  maggio  2017,  n.  97,  e  dal
decreto legislativo 6 ottobre 2018, n. 127; 
  Visto il decreto legislativo 8  marzo  2006,  n.  139,  recante  il
«Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni  ed  ai  compiti
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'art. 11  della
legge 29 luglio 2003, n. 229» e successive modificazioni; 
  Vista la legge 30 dicembre  2018,  n.  145,  recante  «Bilancio  di
previsione  dello  Stato  per  l'anno  finanziario  2019  e  bilancio
pluriennale per il triennio 2019-2021»; 
  Visto, in particolare, l'art. 10 del decreto legislativo n. 139 del
2006, in base al quale il personale volontario  del  Corpo  nazionale
dei vigili del fuoco e' assicurato contro gli infortuni in servizio e
le infermita' contratte per causa diretta e immediata di servizio  ed
i  relativi  massimali  sono  stabiliti  con  decreto  del   Ministro
dell'interno, di concerto  con  il  Ministro  dell'economia  e  delle
finanze; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957,  n.
686, recante «Norme di esecuzione del testo unico delle  disposizioni
sullo statuto degli  impiegati  civili  dello  Stato,  approvato  con
decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3»; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre  1981,
n. 834, recante «Definitivo riordinamento delle pensioni  di  guerra,
in attuazione della  delega  prevista  dall'art.  1  della  legge  23
settembre 1981, n. 533»; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 6  febbraio  2004,
n. 76, recante «Regolamento concernente  disciplina  delle  procedure
per  il  reclutamento,  l'avanzamento  e  l'impiego   del   personale
volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco»; 
  Visto il decreto interministeriale 19 agosto 1993,  n.  30266/3012,
con il quale sono stati stabiliti i  massimali  per  la  liquidazione
degli indennizzi e delle indennita' di  infortunio  per  il  predetto
personale volontario; 
  Visto che, l'art. 1, comma 398, della legge 30  dicembre  2018,  n.
145 ha disposto l'armonizzazione del trattamento assicurativo  contro
gli infortuni in servizio e le infermita' contratte per causa diretta
e immediata di servizio previsto in favore del  personale  volontario
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ai sensi dell'art. 10, comma
2, del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, con quello  previsto
per il personale di ruolo del medesimo Corpo, autorizzando  la  spesa
annua di euro 200.000 per l'anno 2019 e di euro 400.000  a  decorrere
dall'anno 2020; 
  Considerato che, per  quanto  sopra,  occorre  rivedere  le  misure
indennitarie previste dal citato decreto del 19 agosto 1993; 
  Valutato che, ai fini  della  suddetta  armonizzazione,  le  misure
indennitarie  da  incrementare  riguardano  in   particolare   quelle
relative all'inabilita' temporanea assoluta; 
  Rilevato che il medesimo art. 1, comma 398, della legge n. 145  del
2018, al fine di stabilire le relative misure indennitarie nonche' il
procedimento di monitoraggio per il rispetto dei limiti di  spesa  di
cui al primo periodo del suddetto comma, prevede l'emanazione  di  un
decreto del Ministro  dell'interno,  con  il  concerto  del  Ministro
dell'economia e delle finanze  espresso  con  nota  n.  7921  del  23
settembre 2020; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
Massimali  di  indennizzo   per   inabilita'   permanente   assoluta,
              inabilita' permanente parziale e decesso 
 
  1. Per l'assicurazione contro gli infortuni occorsi in servizio  al
personale volontario nonche' contro le infermita' contratte per causa
diretta e immediata di servizio dal personale medesimo,  ivi  inclusi
gli  infortuni  e  le  infermita'  contratte  durante  i  periodi  di
formazione e di addestramento, compreso quello iniziale, che  abbiano
dato  luogo  ad  inabilita'  permanente   assoluta,   ad   inabilita'
permanente parziale o a decesso, sono stabiliti i seguenti  massimali
per l'indennizzo in capitale: 
    a) inabilita' permanente assoluta: euro 51.695,69; 
    b) inabilita' permanente parziale: il massimale  stabilito  nella
precedente lettera a) per il caso di inabilita'  permanente  assoluta
e'  rapportato,  ai  fini  della  determinazione  dell'ammontare  dei
relativi indennizzi, alle percentuali di cui alla tabella 1  allegata
al decreto del Presidente della Repubblica 3  maggio  1957,  n.  686,
stabilite per la liquidazione dell'equo indennizzo concesso a  favore
degli impiegati civili dello Stato che, per infermita' contratte  per
causa di servizio, abbiano riportato una menomazione  dell'integrita'
fisica ascrivibile ad una delle categorie di cui alle tabelle A  e  B
annesse al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre  1981,
n. 834. Il massimale e' ridotto del 25 per cento se l'infortunato  al
momento dell'evento dannoso ha superato i cinquanta anni di eta'; 
    c) decesso: 
  1.1. Euro 25.822,84 al coniuge superstite, sempreche' non sia stata
pronunciata sentenza di annullamento del matrimonio  ovvero  sentenza
di separazione addebitabile allo stesso passata  in  giudicato  o  di
divorzio. 
  1.2. Da euro 5.164,27, fino ad un massimo  di  euro  25.822,84  per
ogni figlio convivente a carico. 
  1.3. In mancanza del coniuge avente diritto, euro 25.822,84 per  un
solo figlio, aumentati di euro 5.164,57 per ogni altro  figlio,  fino
ad un massimo di euro 51.145,69, da dividere equamente fra gli aventi
diritto. 
  1.4. In mancanza di  coniuge  e  figli,  per  ogni  genitore,  euro
10.329,14. 
                               Art. 2 
 
                    Misure indennita' giornaliera 
                 per inabilita' temporanea assoluta 
 
  1. Per l'assicurazione contro gli infortuni occorsi in servizio  al
personale volontario nonche' contro le infermita' contratte per causa
diretta e immediata di servizio dal personale medesimo,  ivi  inclusi
gli  infortuni  e  le  infermita'  contratte  durante  i  periodi  di
formazione e di addestramento, compreso quello iniziale, che  abbiano
dato  luogo  ad  inabilita'  temporanea  assoluta,  e'  stabilita  la
seguente indennita' giornaliera: 
    a) inabilita' temporanea assoluta: 
      1. Vigile del fuoco volontario: euro 70,26; 
      2. Capo squadra volontario:  euro 77,39; 
      3. Capo reparto volontario: euro 79,97; 
      4. Funzionario tecnico antincendio volontario: euro 86,14. 
  2. L'indennita' di  cui  al  comma  1  e'  corrisposta  dal  giorno
successivo a quello in cui si e' verificato lo  stato  di  inabilita'
fino al  giorno  di  formulazione  del  giudizio  sulla  idoneita'  o
inidoneita' al soccorso e agli altri servizi di  istituto,  da  parte
della competente Commissione medica ospedaliera. 
  3.  Qualora  il  periodo  di  inabilita'  temporanea  assoluta  sia
inferiore ai novanta giorni,  il  riconoscimento  della  riacquistata
idoneita'   potra'   essere   effettuato   dal   medico    incaricato
dell'attivita' sanitaria presso la sede di servizio  del  vigile  del
fuoco in questione. 
  4. Al personale volontario che per legge, regolamento o altro  atto
amministrativo o per contratto sia individuale che  collettivo  abbia
comunque diritto a percepire, durante il tempo trascorso nello  stato
di inabilita' temporanea assoluta, un trattamento economico  gravante
su un datore di lavoro privato, una pubblica amministrazione, un ente
pubblico o privato, ovvero su un ente di previdenza ed assistenza  di
diritto  pubblico,  l'indennita'  giornaliera  di  cui  al   presente
articolo e' ridotta  di  un  importo  pari  al  predetto  trattamento
economico. E' tuttavia fatto salvo, a favore del medesimo  personale,
il diritto ad una  quota  di  detta  indennita'  pari  ad  un  quinto
dell'indennita' giornaliera prevista. 
                               Art. 3 
 
                            Monitoraggio 
 
  1. Alle occorrenze  finanziarie  di  cui  al  presente  decreto  si
provvede con  le  risorse  disponibili  a  legislazione  vigente  sul
capitolo di spesa  1811  dello  stato  di  previsione  del  Ministero
dell'interno per l'anno 2019 e corrispondenti capitoli per  gli  anni
successivi, gia' incrementate di euro 200.000 per l'anno  2019  e  di
euro 400.000 a decorrere dall'anno 2020, per effetto del citato  art.
1, comma 398, della legge n. 145 del 2018. 
  2.  Il  procedimento  di  monitoraggio  della   spesa   e'   svolto
semestralmente dai competenti uffici del Ministero dell'interno,  con
produzione annuale di un report da inviare ai competenti  Ispettorati
del Ministero dell'economia e  delle  finanze  -  Dipartimento  della
Ragioneria generale dello Stato. 
  3. Laddove dal monitoraggio di cui al  comma  2  emergano  risparmi
strutturali,  si  procedera'  alla  rideterminazione   delle   misure
indennitarie previste dall'art. 2, incrementando  automaticamente  le
misure stesse in via percentuale, nel rispetto del  limite  di  spesa
autorizzato con lo stanziamento del citato capitolo 1811. Nel caso in
cui dal medesimo monitoraggio  emerga  che  l'andamento  della  spesa
possa determinare eccedenze, le misure indennitarie di cui all'art. 2
saranno proporzionalmente ridotte nel rispetto dello stanziamento del
predetto capitolo 1811. 
                               Art. 4 
 
                             Decorrenza 
 
  1. Le misure indennitarie stabilite con il  presente  decreto  sono
applicate agli infortuni in servizio e alle infermita' contratte  per
causa diretta e immediata di servizio verificatisi a decorrere dal 1°
luglio 2019. 
                               Art. 5 
 
                            Registrazione 
 
  1. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei Conti per  la
registrazione. 
 
    Roma, 28 dicembre 2020 
 
                                             Il Ministro dell'interno 
                                                     Lamorgese        
 
Il Ministro dell'economia 
     e delle finanze      
        Gualtieri         
 

Registrato alla Corte dei conti il 25 gennaio 2021, foglio n. 188 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.